Come creare un NAS casalingo in modo facile e veloce

  • Post by Giovanni Metitieri
  • Apr 26, 2020
post-thumb

Visto il periodo, ne ho approfittato per completare i lavori sul mio nas.

Si tratta di un nas assemblato completamente da me e basato su un architettura x64 in modo da avere la massima compatibilità con i software moderni.

La build è stata realizzata principalmente con componenti “riutilizzati” in modo da avere un duplice vantaggio:

  • essere economico
  • sfruttare gli stessi fino alla “distruzione” e quindi inquinare meno

Ecco i componenti utilizzati:

Considerando che alcuni componenti non sono più in commercio, i link dove presenti vi portano a possibili componenti simili come caratteristiche/prezzo. Nei prossimi giorni vi preparerò una build “consigliata”.

Una volta assemblato, è stato necessario scegliere un sistema operativo da utilizzare, normalmente su un nas viene usato linux o unix, le distro più diffuse probabilmente sono OpenMediaVault e FreeNas. Si tratta in entrambi i casi di ottime soluzioni che permettono di avere un sistema con diverse feature molto stabile in maniera semplice e veloce.

Ho deciso di usare OpenMediaVault, in seguito OMV, in quanto basato su debian visto che l’ ho usato giornalmente da un pò di anni.

Il setup di OMV è davvero molto semplice, il classico setup “next/next” per capirci, ho deciso di dedicare un SSD al sistema in quanto questo permette di avere un sistema silenzioso nei momenti di inutilizzo e contribuisce a ridurre i consumi totali.

Una volta concluso il setup, da un qualsiasi browser nella nostra lan, possiamo raggiungere l’ interfaccia di OMV che di default risponde sulle porte 80/443. Le credenziali di default sono “admin” e “openmediavault”.

Una volta fatto il login sarà possibile inizializzare i dischi “extra” su cui saranno memorizzati i nostri dati. Questa operazione è piuttosto semplice e ci permetterà di creare dei mountpoint da condividere con samba o nfs.

Tra le varie opzioni, abbiamo la possibilità di creare degli utenti extra e di sfruttarli per samba in modo da limitare gli accessi ad alcune cartelle.

ATTENZIONE: se usate windows, sarà possibile montare solamente un utente oltre a quello anonimo per cui dovrete assegnare direttamente da OMV i permessi di accesso nel caso in cui devono accedere più utenti.

Come avrete visto, tra i componenti ho diversi Hard Disk, come indicavo prima li avevo e quindi ho provato a realizzare una struttura che permettesse di sfruttarli al meglio, senza tuttavia sacrificare la sicurezza dei dati. Ho quindi deciso di sfruttare un approccio molto semplice:

  • Disco da 500GB + Disco da 1500GB per storare i dati
  • Disco da 2000GB per il backup dei dati

Il backup viene eseguito giornalmente tramite la funzione di rsync offerta da OMV.

Questo nel mio caso ha diversi vantaggi:

  1. Permette di avere performance migliori rispetto ad un raid1
  2. Mi permette di sfruttare a pieno i 2TB
  3. Nel caso di un criptolocker nella lan, ho circa 24h in cui posso recuperare tutti i dati

Tra le feature che possiamo integrare su OMV in modo molto semplice abbiamo:

  • flashmemory, un plugin che permette di limitare le scritture su SSD
  • minidlna, un server DLNA per accedere alla nostra libreria video/foto/musicale da tutta la lan con un client compatibile
  • clamav, l’ antivirus libero

Nei prossimi articoli approfondirò vari aspetti di questo sistema e come l'ho adattato al meglio per le mie esigenze.

Grazie per la lettura.

comments powered by Disqus
LATEST POST
  • Post By Giovanni Metitieri
  • May 17, 2020
Usare Python con Visual Studio Code e WSL
  • Post By Giovanni Metitieri
  • Apr 26, 2020
Come creare un NAS casalingo in modo facile e veloce
  • Post By Giovanni Metitieri
  • Apr 24, 2020
Aggiornare OpenMediaVault4 ad OpenMediaVault5
CATEGORIES